Nuova Mercedes GLA 2018/2019: il modello dopo il Restyling/Facelift

Nuova Mercedes GLA: disponibile in Italia nel 2019

Mercedes sta lavorando su una revisione della sua gamma SUV, con 5 nuovi modelli che verranno lanciati entro il 2020. Una parte fondamentale di tale revisione è rappresentata dalla nuova GLA, derivata dalla Classe A, la quale sta per essere rinnovata e se volete scoprire la futura versione leggere il mio articolo sull'anteprima della nuova Mercedes Classe A 2018.

Il nuovo modello GLA 2018/2019 manterrà la sua posizione di membro più piccolo ed economico della famiglia SUV, e nonostante il modello attuale sia stato oggetto di una rivisitazione al Detroit Motor Show di Gennaio, il team è già al lavoro con sperimentazioni varie sulla seconda generazione, cui data di uscita è attesa per il 2019.

Sebbene non ci si aspetta enormi rivoluzioni in termini di design - mantenendo il look più duro introdotto con il restyling del modello - alcune immagini in anteprima suggeriscono che sarà caratterizzato da un nuovo faro e nuove luci posteriori a LED. I cambiamenti più notevoli però arriveranno sotto la scocca.

In arrivo MFA2 e un nuovo Motore

Con la nuova generazione della Classe A - in arrivo nel 2018 - Mercedes vuole introdurre una versione fortemente revisionata della piattaforma MFA, attualmente adottata sia sulla Classe A hatchback sia sulla GLA 2018/2019. Rinominata MFA2, la nuova piattaforma sarà alla base della prossima GLA, con conseguente incremento in termini di larghezza e interasse per garantire maggiore spazio.

Foto nuova Mercedes GLA 2018/2019

Sotto il profilo della potenza, ci aspettiamo che la Mercedes GLA 2018/2019 adotterà la stessa gamma di motori prevista per la prossima Classe A. Questo significa che la nuova linea dei motori modulari a 4 cilindri turbodiesel da 2.0 litri - ricollegabile all'investimento da 2.3 miliardi di Mercedes nella tecnologia diesel - rimpiazzerà le unità ormai obsolete da 2.1 litri.

Il motore modulare è stato implementato inizialmente sulla Classe E, ma presto si diffonderà sul resto della lineup targata Mercedes. Sarà disponibile anche la versione turbo a 4 cilindri da 2 litri a benzina, con la variante Mercedes-AMG da 400+ cavalli in cima alla gamma.
La piattaforma MFA2 potrebbe poi spianare la strada alla tecnologia ibrida, anche se la parte elettrica della GLA dipenderà dai risultati dei test che verranno fatti sulla Classe A.

Parliamo degli interni della nuova GLA

I cambiamenti continuano negli interni, dove ci si aspetta che Mercedes introduca una rinnovata cabina, portando nella Mercedes GLA 2018/2019 finiture e tecnologie attualmente disponibili sulla Classe E.
[ads-post]
Rispetto alle modifiche relativamente minori della carrozzeria, gli interni dovrebbero essere soggetti ad un'importante revisione con nuovi ed eleganti materiali, una plancia dal layout più semplice e un rinnovato e più largo display digitale. Con molta probabilità verrà introdotta anche una nuova versione del sistema di infotainment COMAND, caratterizzato da un touchpad ridisegnato.

La GLA dovrebbe essere equipaggiata con il sistema di assistenza alla guida semi-autonoma di Mercedes, con alcuni particolari inclusi tra gli standard e altri disponibili come optional. In particolare parliamo della guida Distronic Plus con servosterzo, che porterà la guida semi-autonoma sulle autostrade e nel traffico, mentre l'assistenza al parcheggio sarà probabilmente inclusa nel pacchetto.

Prezzi e disponibilità in Italia

Come anticipato all'inizio di questo post, la data di uscita nuova GLA è prevista per il 2019, mentre per quanto riguarda i prezzi, probabilmente resteremo nello stesso range attuale, con prezzi a partire da 30.000€ e finendo con 60.000€+ per la variante AMG.

Leggi anche:

- Anteprima Nuova Mercedes Classe A 2018
EDIT

Il SUV Jaguar F-PACE offre un'ampia scelta di motori diesel o benzina raffinati ed efficienti, tutti in grado di assicurare un'esperienza di guida altamente dinamica e prestazioni al più alto livello. I motori di F-PACE sono dotati di tecnologia Stop/Start e del sistema di carica elettrica rigenerativa che recupera l'energia cinetica dalla frenata per ricaricare la batteria, riducendo i consumi in particolare nella guida urbana. Per ulteriori informazioni sui consumi di carburante, le emissioni di CO2 e i dati sulle prestazioni dei motori di F-PACE, consulta le pagine 66-67.

A seguire, le schede tecniche delle motorizzazioni Diesel e Benzina di Jaguar F-PACE.

Scheda tecnica Motori Jaguar F-PACE

Scheda tecnica Motore 2.0 Diesel Jaguar F-PACE con cambio manuale

Jaguar F-PACE motore diesel 2.0 scheda tecnica
Cillindrata: 2.0 a 4 cilindri
Alimentazione: Diesel con Turbo
Potenza massima: 180 CV (132 kW)
Coppia massima: 430 Nm (1.750-2.500 giri/min)
Accelerazione 0-100 km/h: 8,9 secondi
Velocità massima: 209 km/h
Consumo in cliclo combinato: 4,9 l/100 km
Consumo in cliclo urbano: 5,7 l/100 km
Consumo in cliclo extraurbano: 4,5 l/100 km
Emissioni di CO2: 129 g/km
Capacità serbatoio: 60 litri
Disponibile con allestimenti PURE, PRESTIGE, PORTFOLIO, R-SPORT

Scheda tecnica Motore 2.0 Diesel Jaguar F-PACE con cambio automatico AWD

Jaguar F-PACE motore diesel 2.0 scheda tecnica cambio automatico
Cambiano le prestazioni se invece si sceglie la stessa motorizzazione 2.0 Diesel ma con cambio automatico a 8 rapporti e trazione integrale AWD. In particolare, cambia l'accelerazione, la velocità massima, i consumi e le emissioni.

Cillindrata: 2.0 a 4 cilindri
Alimentazione: Diesel con Turbo
Potenza massima: 180 CV (132 kW)
Coppia massima: 430 Nm (1.750-2.500 giri/min)
Accelerazione 0-100 km/h: 8,7 secondi
Velocità massima: 208 km/h
Consumo in cliclo combinato M-A: 5,2-5,3 l/100 km
Consumo in cliclo urbano M-A: 6,0-6,2 l/100 km
Consumo in cliclo extraurbano M-A: 4,7-4,7 l/100 km
Emissioni di CO2: manuale 134 g/km - automatico 139 g/km
Disponibile con allestimenti PURE, PRESTIGE, PORTFOLIO, R-SPORT

[ads-post]

Scheda tecnica Motore 3.0 Diesel Jaguar F-PACE

Jaguar F-PACE motore diesel 3.0 scheda tecnica
Cillindrata: 3.0 a 6 cilindri V6
Alimentazione: Diesel con Turbo
Potenza massima: 300 CV
Coppia massima: 700 Nm
Accelerazione 0-100 km/h: 6,2 secondi
Velocità massima: 241 km/h
Consumo in cliclo combinato: 6,0 l/100 km
Consumo in cliclo urbano: 5,7 l/100 km
Consumo in cliclo extraurbano: 4,5 l/100 km
Emissioni di CO2: 159 g/km
Disponibile con allestimenti PURE, PRESTIGE, PORTFOLIO, R-SPORT

Scheda tecnica Motore 3.0 Benzina da 340 CV Jaguar F-PACE

Jaguar F-PACE motore benzina 2.0 340 cv scheda tecnicaCillindrata: 3.0
Alimentazione: Benzina con Turbo
Potenza massima: 340 CV
Coppia massima: 450 Nm
Accelerazione 0-100 km/h: 5,8 secondi
Velocità massima: 250 km/h
Consumo in cliclo combinato: 8,9 l/100 km
Consumo in cliclo urbano: 5,7 l/100 km
Consumo in cliclo extraurbano: 4,5 l/100 km
Emissioni di CO2: 209 g/km
Disponibile con allestimenti PURE, PRESTIGE, PORTFOLIO, R-SPORT

Scheda tecnica Motore 3.0 Benzina da 380 CV Jaguar F-PACE

Jaguar F-PACE motore benzina 3.0 380 cv scheda tecnicaCillindrata: 3.0
Alimentazione: Benzina con Turbo
Potenza massima: 380 CV
Coppia massima: 450 Nm
Accelerazione 0-100 km/h: 5,5 secondi
Velocità massima: 250 km/h
Consumo in cliclo combinato: 8,9 l/100 km
Consumo in cliclo urbano: 5,7 l/100 km
Consumo in cliclo extraurbano: 4,5 l/100 km
Emissioni di CO2: 209 g/km
Disponibile SOLO con allestimento S

EDIT

Appassionati delle automobili francesi ed in particolare delle Dacia? Bene, allora in questa raccolta di dmotori.it potete trovare i collegamenti ai nostri articoli in cui andiamo a vedere quali sono i colori delle auto Dacia di ogni genere e di ogni anno, quindi se volete conoscere quanti e quali colori sono disponibili per una Dacia nuova, allora qui in basso trovate un elenco di tutti i modelli prodotti dalla casa automobilistica Dacia. Vi basta individuare il modello dal nome, quindi aprire la pagina relativa ai colori del modello prodotto in un'anno preciso che noi distinguiamo con la sigla MY (sta per Model Year).

Bene, iniziamo subito la raccolta! A seguire, invece, tutti i colori con foto delle Dacia nuove, modello per modello, anno per anno!

Dacia Nuova Sandero: colori e foto MY 2016

Colori base, metallizzati, perlati, matti e brillantinati della Dacia Nuova Sandero MY 2016 con relative immagini

La nuova Dacia Sandero, ha un design ancora più moderno e accattivante, un'auto che è è sinonimo di stile ed eleganza. Linee fluide, profili definiti, nuova calandra cromata, nuovi gruppi ottici anteriori e posteriori, nuovi cerchi in lega da 15'' e nuovi copricerchi. Un concentrato di dinamismo e modernità. Ti sedurrà già dal primo sguardo! E' un modello MY 2016 la cui presentazione è avvenuta durante il salone di LUOGOP nel YEAR. Se vi state domandando quali sono i colori disponibili per questo modello, allora ecco qui le foto e l'elenco colori completo:

Dacia Duster: colori e foto MY 2016/2017

Colori base, metallizzati, perlati, matti e brillantinati della Dacia Duster MY 2016/2017 con relative immagini

La nuova Dacia Duster, è un modello MY 2011-2017 la cui presentazione è avvenuta durante il salone di Parigi nel 2011. Se vi state domandando quali sono i colori disponibili per questo modello, allora ecco qui le foto e l'elenco colori completo:

Colori Dacia Duster con Foto nelle varie colorazioni
EDIT

La Nuova Dacia Sandero, in versione Stepway o BRAVE, è forse la nuova auto che state per scegliere? O magari è tra i modelli che appartengono alla vostra scelta e magari state cercando di capire in quanti colori viene prodotta e quali sono? E bene, c'è una vasta scelta tra vernici metallizzate, tinte a effetto perlato o effetto matto oppure è meglio scegliere una colorazione brillantinata bella lucida? Qual'è il colore perfetto per la Sandero 2016/2017? Andiamoli a vedere tutti per capire quale si addice meglio alla Nuova Sandero, passando prima col vedere come Dacia ha scelto i nomi, i prezzi da pagare e quindi passeremo a vedere le foto dell’auto in modo da renderci bene conto che effetto fa’ una determinata vernice sulla vettura in questione.

Nota: questo modello è disponibile in 3 versioni, quella classica e poi ci sono le edizioni BRAVE (limitata) e STEPWAY (con look da crossover). Le tinte degli esterni e degli interni sono le stesse, lì dove disponibili a seconda dell'allestimento.

Stai cercando i colori di un'altra Dacia?

Se vuoi conoscere in quali colorazioni è disponibile un'altra vettura Dacia, puoi vedere nella nostra raccolta:

Potresti trovare interessante anche i seguenti articoli sulla Dacia Nuova Sandero:

colori auto Dacia

Elenco dei colori di Dacia Sandero 2016/2017 disponibili con prezzi

Dunque, per quanto riguarda le denominazioni dei colori Dacia Sandero 2016/2017 per gli esterni è caratterizzata dall'avere a disposizione le seguenti vernici della carrozzeria, di cui vi riportiamo l’eventuale prezzo se sono a pagamento:
  1. Blue Navy (gratis)
  2. Blu Azzurrite 550€
  3. Grigio Islanda 550€
  4. Grigio Platino 550€
  5. Bianco Ghiaccio 250€
  6. Nero Nacre' 550€
  7. Rosso Fuoco 550€
  8. Grigio Cometa 550€
  9. Blue Cosmo 550€
  10. Brun Vison (gratis)
Quindi, se siete interessati a sapere quanto costano i colori optional della carrozzeria, allora vengono offerti senza sovrapprezzo soltanto le tinte Brun Vison e Blue Navy, mentre tutti gli altri colori hanno prezzi da 250 a 550 euro.

Bene, questi sono i nomi e i costi, ed ora andiamo anche a vedere le immagini della Dacia Sandero nelle differenti "vesti".

Foto della Nuova Dacia Sandero nelle diverse colorazioni

Come potete vedere sopra, leggendo l'elenco dei colori esterni della Dacia Sandero, le colorazioni disponibili sono 10 che ovviamente comprendono le tinte più classiche quali ad esempio il colore bianco, quello nero ed il grigio, disponibili in varie tonalità e poi c’è qualche colore più "particolare" per chi desidera distinguersi con la propria auto, ed infatti la Nuova Sandero colore "Brun Vison" oppure "Rosso Fuoco" sarà davvero una gioia per gli occhi, ma ovviamente non tutti oseranno così tanto, no?.

Colori Nuova Dacia Sandero con Foto e Prezzi

A seguire, trovate delle immagini che abbiamo caricato per voi della Nuova Sandero con la carrozzeria di tinte differenti per capire che effetto va sul design compessivo dell'auto.

Blue Navy

Ecco qui una immagine in cui potete vedere la Dacia Sandero 2016/2017 nel sua colore "Blue Navy":

nuova dacia sandero colore blue navy vista frontale

nuova dacia sandero colore blue navy vista di profilo e dietro

Blu Azzurrite

[ads-post]
Qui sotto trovate ancora un'altra colorazione della compatta Dacia Sandero, che hanno chiamato "Blu Azzurrite":

nuova dacia sandero colore blu azzurrite vista frontale

nuova dacia sandero colore blu azzurrite vista laterale profilo posteriore

Grigio Islanda

Ancora, terzo dei NC colori disponibili per la vernice esterna è quello che in casa Dacia hanno chiamato "Grigio Islanda":

nuova dacia sandero colore grigio islanda vista frontale

nuova dacia sandero colore grigio islanda vista laterale profilo posteriore

Grigio Platino

Ecco poi il colore "Grigio Platino" della Nuova Sandero:

nuova dacia sandero colore grigio platino vista frontale

nuova dacia sandero colore grigio platino vista laterale profilo posteriore

Bianco Ghiaccio

Altro colore, altra foto della Sandero in veste "Bianco Ghiaccio":

nuova dacia sandero colore bianco ghiaccio vista frontale

nuova dacia sandero colore bianco ghiaccio vista laterale profilo posteriore

Nero Nacre'

Arriviamo al colore numero 6 della lista, ossia il "Nero Nacre'":

nuova dacia sandero colore nero nacre' vista frontale

nuova dacia sandero colore nero nacre' vista laterale profilo posteriore

Rosso Fuoco

E alla posizione 7 c'è il colore "Rosso Fuoco" ed ecco che effetto fa' la Sandero con la vernice di questa colorazione:

nuova dacia sandero colore rosso fuoco vista frontale

nuova dacia sandero colore rosso fuoco vista profilo laterale posteriore 

Grigio Cometa

Color number 8: "Grigio Cometa", ecco qui la Dacia Sandero:

nuova dacia sandero colore grigio cometa vista frontale

nuova dacia sandero colore grigio cometa vista profilo laterale posteriore

Blue Cosmo

Il penultimo della decina, ecco il numero 9 che Dacia chiama "Blue Cosmo":

nuova dacia sandero colore blue cosmo vista frontale

nuova dacia sandero colore blue cosmo vista frontale

Brun Vison

Ed ecco qui la Nuova Sandero con colore "Brun Vison":

nuova dacia sandero colore brun vison vista frontale

nuova dacia sandero colore brun vison vista profilo laterale posteriore

Cosa ne pensate dei colori della Nuova Sandero?

Fine dei colori degli esterni della Dacia Sandero 2017, noi vi abbiamo mostrato le foto dell'auto nelle differenti colorazioni disponibili al momento, ed ora tocca a voi farci sapere mediante un commento quale tinta della vernice preferite e per quale motivo!

Secondo noi, il colore più bello della Dacia Nuova Sandero è...

Personalmente, ci piace molto l'effetto che fa la Dacia Sandero MY 2016 con la carrozzeria di colore "Rosso Fuoco", un colore veramente molto vivace e bello, ma anche il "Brun Vison" è veramente "unico". Poi c'è il Grigio Islanda che è davvero da "maschi".

Fateci sapere la vostra opinione! Di che colore preferite la Nuova Sandero?
Vedi anche:

- colori auto Dacia
EDIT

Da pochi giorni è stata lanciata sul mercato la quinta generazione dell'iconica SEAT Ibiza, ed la gamma prodotto si amplia grazie all'introduzione nell'offerta di due nuovi propulsori gasolio, con cambio manuale a cinque rapporti e dotate di sistema Start&Stop, compiendo i requisiti della normativa Euro 6.

La nuova SEAT Ibiza TDI amplia la sua gamma motori già dalla fine di questo 2017, in particolare, le due nuove motorizzazioni di fine 2017 della Seat Ibiza Diesel disponibili sono:

#1 - 1.6 TDI 80 CV
#2 - 1.6 TDI 95 CV

Entrambi i motori sono disponibili con cambio manuale 5 marce e i prezzi sono a partire da 16.700 Euro.

Ma sarà soprattutto il 2018 l'anno in cui vedremo il diffondersi su strada delle nuove motorizzazioni diesel, visto che oltre alle versioni 1.6 da 80 e 95 cavalli, l'anno nuovo porterà anche a listino due nuove motorizzazioni Diesel. Il propulsore 1.6 TDI 115 CV con cambio manuale a 6 rapporti e la versione 1.6 TDI 95 CV in abbinamento al cambio DSG a 7 rapporti.

Scopriamoli nel dettaglio, andando a vedere la scheda tecnica, quindi i consumi, la potenza e la coppia motrice, quindi diamo un'occhiata anche ai prezzi della nuova Seat Ibiza 2018 con questi nuovi motori.

nuovi motori seat ibizia 2017 2018

Il primo nuovo motore, è il 1.6 TDI da 80 cavalli

La prima motorizzazione di fine 2017 della nuova Seat Ibiza, è il 1.6 TDI da 80 CV con cambio manuale a 5 rapporti. E' disponibile in abbinamento agli allestimenti Reference, Style, XCellence e Business. Gli 80 CV di potenza vengono erogati tra i 2.700 e i 4.800 rpm, mentre la coppia massima è pari a 230 Nm ed è erogata tra i 1.400 e i 2.400 rpm. L'accelerazione da 0-100 km/h avviene in 13,3 secondi, e pregevoli sono i dati di consumo della vettura, con 3,8 litri/ 100 km ed emissioni di C02 pari a 99 g/km.

Abbiamo poi anche il motore sempre 1.6 ma con più cavalli

Il secondo dei nuovi motori già disponibili alla vendita, è invece dal 1.6 TDI 95 CV con cambio sempre manuale a 5 marce. Disponibile in abbinamento agli allestimenti Style, XCellence, FR e Business. 1 95 CV di potenza vengono erogati tra i 2.750 e i 4.600 rpm, mentre la coppia massima è pari a 250 Nm ed è erogata tra i 1.500 e i 2.600 rpm. L'accelerazione da 0-100 km/h avviene in 11,3 secondi, con consumi ed emissioni equivalenti alla versione da 80 CV (3,8 litri/ 100 km ed emissioni di C02 pari a 99 g/km).
[ads-post]
Per quanto riguarda invece gli altri due motori, vedremo quali saranno le loro caratteristiche tecniche nei primi mesi del 2018.

Quando saranno disponibili? E i prezzi quali sono?

Chi di voi è interessato alla nuova Seat Ibiza e vorrebbe magari acquistarla scegliendo uno dei nuovi motori e si domanda quando saranno disponibili alla vendita, ebbene la commercializzazione è già iniziata. Quindi in concessionaria trovate già tutte le informazioni disponibili ed ora vi lascio anche i prezzi.

1.6 TDI 80 CV

  • da € 16.700 (allestimento Reference) 
  • da € 17.950 (allestimento Style) 
  • da € 19.050 (allestimento Business) 
  • da € 19.700 (allestimento XCellence) 

1.6 TDI 95 CV

  • da € 18.400 (allestimento Style) 
  • da € 19.500 (allestimento Business) 
  • da € 20.150 (allestimento XCellence) 
  • da € 20.150 (allestimento FR) 
EDIT

Dopo tanta attesa, finalmente la presentazione della Lamborghini Urus è avvenuta lì dove verrà prodotta, a Sant'Agata Bolognese, il giorno 4 dicembre 2017, data che segna quindi l'ingresso dell'azienda fondata da Ferruccio Lamborghini nel mercato dei SUV/SAV di lusso, segnando con forza un punto di riferimento in termini di potenza, prestazioni, dinamica di guida, design, lusso e fruibilità quotidiana. Urus è la combinazione del DNA Lamborghini con la versatilità e le dimensioni tipiche di un SUV, elevato a un livello finora impossibile e per le emozioni che suscita e in termini di design degli esterni e degli interni, per il propulsore benzina capace di offrire prestazioni e una dinamica di guida di una vera e propria Lamborghini, ma è anche un'auto adatta alla guida di tutti i giorni su terreni molto diversi tra loro.

Prima di scoprirla nel dettaglio, voglio anticiparvi qualcosa circa il motore della Urus, la quale sotto il cofano nasconde un brillante V8 biturbo 4,0 litri di cilindrata che è capace di erogare una potenza massima di ben 650 CV a 6000 giri/min ed una coppia di 850 Newton metro, disponibile già ai bassi regimi del motore. Facendo un pò di conti, il rapporto potenza/cilindrata è elevato, ben 162,7 CV/litro, ed infatti il super SUV può vantarsi di una potenza specifica tra le più alte della sua classe. Inoltre, è caratterizzata anche dal miglior rapporto peso/potenza con 3,38 kg/CV e tutti questi numeri la rendono il SUV più veloce al mondo del momento.

Siete pronti a scoprire questa nuova auto, vedere nel dettaglio tutte le informazioni tecniche, le misure, l'abitacolo interno e tutto ciò che c'è da sapere? Iniziamo col riassumere le caratteristiche più importanti in 10 punti.

Vi lascio l'indice di questo articolo, molto lungo, ma un'auto del genere ha meritato tutto il tempo che ho passato nello scrivere il testo:


Le caratteristiche del SUV Lamborghini Urus riassunte in 10 punti

caratteristiche del SUV Lamborghini Urus

Difficile riassumere un'automobile di questo calibro in pochi punti, perché ci sono così tante cose da dire che quasi mi sembra farle un dispetto, ma ecco come possiamo riassumere la Lamborghini Urus:
  1. Design, prestazioni, dinamica di guida ed emozioni nel più autentico DNA Lamborghini
  2. Adatta alla guida di tutti i giorni nelle più svariate condizioni ambientali
  3. Motore V8 biturbo da 4,0 litri, 650 CV e 850 Nm di coppia per prestazioni inrcedibili
  4. Accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi e velocità massima di 305 km/h
  5. Sistema a trazione integrale con ripartizione attiva della coppia e quattro ruote sterzanti per una perfetta manovrabilità
  6. Freni Carboceramici, sospensioni pneumatiche adattative e barre antirollio attive per ottimizzare sicurezza e comfort
  7. Fino a sei differenti modalità di guida + modalità EGO disponibili attraverso lo speciale “Tamburo”, il selettore della dinamica di guida
  8. Un prezzo che partirà da €168.852 IVA esclusa il che significa che in Italia costerà a partire da 206.000 euro!
  9. La data della sua uscita prevista è primavera 2018, quindi da Marzo 2018 sarà possibile ordinarla
  10. ...Siete curiosi di scoprire le origini del nome Urus? Bene, questa curiosità non ve la svelo subito e vi invito quindi a leggere l'articolo!
Se vi ho incuriosito, e volete conoscere tutto su questa nuova super car made in Italy, allora iniziamo a scoprire come prima cosa il propulsore che monta sotto al cofano, uno dei motori più innovativi e dalle prestazioni che sulla carta non ha assolutamente alcun rivale.

Motore della Lamborghini Urus: acelerazione da 0 a 100 in meno di 4 secondi

Poco sopra, al punto numero 3, avrete sicuramente già letto quale'è il motore Lamborghini Urus monta sotto al cofano, ed ha dei numeri davvero incredibili, soprattutto se si considera che stiamo parlando sempre di un SUV vero e proprio, con tanto di bagagliaio dalla capacità non indifferente e quindi non sacrifica davvero nulla né in termini di dimensioni e comfort, né tantomeno sulle prestazioni su strada.

Motore della Lamborghini Urus

La Lamborghini Urus vanta infatti una motorizzazione V8 biturbo benzina costruito interamente in alluminio per essere snello e prestante, 4,0 litri di cilindrata e montato frontalmente. Gli appassionati del marchio, avranno sicuramente notato che è la prima volta che un'auto del toro monta una unità turbo, e tale scelta è legata al carattere versatile che si è voluto conferire al SUV. Versatilità che è fondamentale soprattutto in condizioni off-road, dove è necessario un alto livello di coppia a bassi regimi e ciò può essere garantito solo da un motore in grado di assicurare livelli ottimali di reattività ed efficienza.
[ads-post]
Passiamo quindi alla scheda tecnica del motore, Lamborghini Urus produce ben 650 cavalli di potenza che passati nell'unità di misura standard del sistema internazionale diventano 478 kW, e raggiunge un tale livello a 6000 giri a minuto, ma potrete spingerla anche oltre, fino a un massimo di 6800 rpm. Per quanto riguarda la coppia massima, questa supercar raggiunge già a 2250-4500 giri/min un valore mostruoso pari a 850 Nm, che grazie al turbocompressore renderanno felice il guidatore ogni volta che premerà il pedale dell'acceleratore. E a proposito di accelerazione, lo 0-100 Km/h è assicurato in meno di 4 secondi, precisamente i cento chilometri orari li raggiunge in 3.6 secondi e se manterrete il pedale schiacciato, in pochissimi secondi vi troverete alla velocità massima che raggiunge Urus: ben 305 km/h. Record assoluto per un SUV e soprattutto per un'auto di dimensioni simili. Poi abbiamo altri numeri non da meno, come la potenza specifica di 162,7 CV/litro e poi, con un peso a vuoto inferiore a 2200 kg, è anche il SUV con il miglior rapporto peso/potenza: 3,38 kg/CV.

Il sistema frenante che ferma la Lamborghini Urus da 100 a 0 in 33,7 metri

Ovviamente, tutta questa massa deve essere pur frenata in qualche modo, e pensate che ha un'impianto frenante che è forse quello con dischi e pinze più grandi in assoluto, capaci di frenare da 100 km/h a 0 in soli 33,7 metri.

sistema frenante Lamborghini Urus, pinze e dischi freni

Il sistema frenante della Urus è commisurato alle sue prestazioni di supersportiva; pertanto assicura un'elevata resistenza termica ed è in grado di sopportare frenate frequenti e pesanti, anche ad alta velocità e in condizioni estreme, come sulla pista o ad altitudini elevate. I freni in carboceramica (CCB) di serie sono i più grandi e i più potenti disponibili e lo confermano le dimensioni, dato che misurano 440 x 40 mm davanti e 370 x 30 mm dietro. Praticamente senza alcuna perdita di potere frenante, il sistema ottimizza la sensibilità del pedale, assicurando prestazioni e sicurezza in tutte le condizioni e in ogni ambiente.

Si può scegliere tra ruote con cerchi in lega super leggera che vanno da 21" a 23", declinate in una gamma di pneumatici estivi, invernali, all-season, all-terrain e sportivi, tutti sviluppati da Pirelli appositamente per la Urus e con larghezze diverse tra gli pneumatici anteriori e quelli posteriori per migliorare la stabilità e il comportamento di guida sportivo.

Trasmissione, trazione integrale e 4 ruote sterzanti

Ma il motore non è nulla se non c'è un sistema di trazione ed una trasmissione capaci di portare tutta la potenza generata dal propulsore benzina alle 4 ruote, ed infatti la Urus è dotata di un cambio automatico a otto marce e di trazione integrale con quattro ruote sterzanti per un controllo ottimale. Di seguito vi riporto una foto della Lamborghini in fuoristrada, di colore blu.

lamborghini urus in fuoristrada di colore blu

Il compatto ed efficiente cambio a planetari a controllo elettroidraulico è messo a punto in modo da fornire rapporti molto corti per le marce basse e più lunghi per le marce alte. L'alta efficienza della frizione a presa diretta a slittamento controllato e un convertitore di coppia sviluppato appositamente garantiscono un motore altamente reattivo, con un rapporto iniziale eccezionalmente potente che assicura un'accelerazione esaltante e alta velocità a bassi regimi, per ottimizzare consumo di carburante ed emissioni. Anche il freno motore è altamente efficiente.

Il sistema a trazione integrale della Urus Lamborghini garantisce una dinamica di guida sicura e altamente reattiva su ogni tipo strada e superficie, in tutte le condizioni atmosferiche. Il differenziale centrale autobloccante Torsen assicura i massimi livelli di controllo e agilità in ogni situazione, soprattutto off-road. Di serie, la coppia è ripartita con un rapporto di 40/60 sugli assi anteriore/posteriore indipendenti, con una coppia dinamica massima del 70% davanti o dell'87% dietro, migliorando la trazione sull'asse con il maggiore attrito al suolo.

La ripartizione attiva della coppia avviene attraverso un differenziale posteriore che permette di distribuire istantaneamente la potenza propulsiva a ogni singola ruota, per migliorare la trazione in base alla modalità di guida, allo stile di guida e all'aderenza sulla strada. La ripartizione della coppia migliora anche il controllo dello sterzo: lo sforzo di sterzata diminuisce e la maggiore agilità permette di affrontare le curve a velocità più alta, adottando una guida più sportiva. Il movimento di imbardata è controllato, evitando il sottosterzo in curva e lo slittamento degli pneumatici in fase di accelerazione. In modalità STRADA, TERRA e NEVE, la ripartizione della coppia riduce il sottosterzo rendendo la guida più sicura e semplice. In modalità SPORT e CORSA, questa stessa ripartizione conferisce al "Super-SUV" maggiore agilità e maggiore sovrasterzo: l'interazione tra il sistema a trazione integrale e l'ESC controlla il sovrasterzo per consentire una guida precisa e divertente. SABBIA è invece la modalità ideale per divertirsi sui percorsi off-road perché il sistema è calibrato per garantire agilità e precisione sui terreni a bassa aderenza come dune di sabbia o ghiaia.

Sulla Urus, Lamborghini ha adottato lo stesso sistema sterzante posteriore introdotto con la Aventador S sull'intera gamma di velocità. L'angolo di sterzata posteriore può variare fino a +/- 3,0 gradi, a seconda della velocità della vettura e della modalità di guida selezionata: a basse velocità, l'angolo di sterzata dell'asse posteriore è opposto a quello delle ruote anteriori (sterzata in controfase), con una conseguente riduzione del passo fino a 600 mm che ottimizza l'agilità e riduce il raggio di sterzata, a tutto vantaggio della manovrabilità. Ad alte velocità, l'angolo di sterzata dell'asse posteriore è nella stessa direzione di quello delle ruote anteriori (sterzata in fase) e il passo si allunga fino a 600 mm conferendo stabilità e comfort di livello superiore e assicurando una dinamica di guida ottimale.

Quali sono le origini del nome "Urus"?

origini del nome urus

Ed ora passiamo ad una piccola curiosità che riguarda l'origine del nome Urus: perché il SUV Lamborghini si chiama così? Ovviamente non è un nome che deriva dal caso, ma come vuole la tradizione del brand di Sant'Agata, anche il nome Urus viene dal mondo dei tori. I bovini di razza Urus (uri), conosciuti anche come Aurochs, sono tra i grandi antenati selvatici delle razze attuali. Il toro da corrida spagnolo, allevato negli ultimi 500 anni, ha un aspetto ancora molto simile a quello della razza che dà il nome alla nuova arrivata in casa Lamborghini.

E dunque, la risposta è stata molto coerente con la storia della casa, e non poteva essere altrimenti, no?

Dimensioni di Lamborghini Urus, Capacità del Bagagliaio e Peso

misure della lamborghini urus

Dopo aver scoperto insieme tutta la tecnica che "non si vede" ma "si sente", andiamo a scoprire il design e le dimensioni Lamborghini Urus che è molto interessante analizzare per vedere come il brand ha "proporzionato" questo SUV di lusso dal punto di vista degli esterni e poi anche dall'interno, perché il vano bagagli ha un volume per nulla ridotto e se quindi i fortunati possessori di questa vettura supersportiva, un giorno vorranno pianificare un viaggio, allora non avranno alcun problema con i loro bagagli. Ma prima di passare a vedere tutte le misure esterne, come la lunghezza, l'altezza, la larghezza con o senza specchietti ed il passo, diamo uno sguardo al design degli esterni.

Ogni dimensione conferma il fatto che è ispirata al Concept LM002 e alle supersportive del marchio di Sant'Agata Bolognese, con un caratteristico rapporto tra superfici di carrozzeria (due terzi) e cristalli (un terzo) che grazie all'altezza contenuta, le dona un'aspetto davvero aggressivo e sportivo, con un diametro di sterzata che mediamente è pari a 11,8 metri, variabile in base alle condizioni dinamiche grazie alla tecnologia RWS.

Il design degli esterni

Il frontale della Urus identifica chiaramente la posizione anteriore del motore sotto un cofano con cupola la cui sagoma, pur essendo ispirata alla Miura e alla Aventador, è accentuata dalle linee diagonali utilizzate per la prima volta sulla Countach e che sono poi diventate una caratteristica dinamica di Lamborghini. Con un audace frontale basso, sottolineato dal solido parafango anteriore, è il SUV più potente attualmente disponibile. Le grandi prese d'aria che giocano con le forme esagonali sono collegate da uno spoiler anteriore ribassato che enfatizza ulteriormente l'efficienza aerodinamica e le prestazioni eccezionali della vettura. Le luci anteriori, contraddistinte da una linea elegante, sottile e decisamente sportiva, sono disposte in orizzontale e dotate di fari a LED nella tipica forma a Y del marchio di Sant'Agata.

design frontale lamborghini urus

La sua inconfondibile sagoma basata su una linea unica richiama le forme tipiche di una coupé, ed è caratterizzata dalle porte senza cornice e dall'avantreno ribassato, tipico di Lamborghini. La linea corre verso l'alto avvolgendo i cristalli posteriori e collegando dinamicamente la parte frontale e quella posteriore, dando l'impressione che la forma sia emersa da un unico pezzo. Le prese d'aria frontali a forma di Y, ancora una caratteristica della LM002, sono siglate con la bandiera italiana, perché la Urus è a tutti gli effetti "Made in Italy".

Il pacchetto Off-Road opzionale, oltre a prevedere le modalità di guida TERRA e SABBIA, include specifici paraurti rinforzati in metallo e protezioni aggiuntive del sottoscocca, per divertirsi sulla neve, nei boschi o sulle dune di sabbia.

Tutte le misure degli esterni

La bassa linea del tetto e la posizione dei cristalli senza cornice fanno intuire la posizione bassa di seduta del conducente e dei passeggeri, infatti in merito all'altezza Lamborghini Urus misurata nel punto più alto è di 1,638 metri. Il parabrezza fortemente inclinato e i cristalli posteriori decisamente angolati, realizzati con tecnologia "glass-on-glass" in sostituzione del montante C, sono distintivi dei modelli come la Huracán, e accentuano la silhouette supersportiva della vettura. I passaruota esagonali, sia frontali che posteriori, sono un importante dettaglio di design ispirato alla LM002 e alla Countach e alloggiano ruote da 21" a 23", le più grandi del segmento. Fermandoci un'attimo alla vista del profilo laterale, analizziamo la seconda misura, ossia la lunghezza totale che è di 5,112 metri che sono davvero tanti se pensate che ad esempio una station wagon media misura intorno ai 4,7 metri e quindi proprio questo confronto ci fa capire quanto è lunga la Urus! Anche l'interasse è imponente, ossia il passo, infatti la distanza dai due centri delle ruote anteriori e posteriori è di ben 3 metri e 3 millimetri!

design posteriore lamborghini urus

Passando al posteriore, l'auto si distingue per le complesse e potenti linee tipiche di una Lamborghini, rafforzando il carattere forte e solido dell'auto e qui vi do' un'altra misura, ossia la larghezza specchietti retrovisori esclusi di Urus che è pari a 2,016 metri. La linea del tetto si allarga alla base del pannello posteriore nello stile proprio dei modelli Lamborghini, tra cui Countach e Murciélago. I cristalli posteriori fortemente inclinati sono supportati da solidi montanti e l'intera parte posteriore è legata dal parafanghi e dal pannello nero che ospita le griglie dell'aria, il logo Lamborghini e le luci di coda a forma di Y. Il diffusore posteriore è ispirato alle auto da corsa della casa automobilistica, con doppi tubi di scarico rotondi e integrati.

Visti dall'alto, i pronunciati parafanghi anteriori e posteriori sono messi in risalto dalla più sottile parte centrale dell'auto, le cui linee sinuose evocano la fisicità delle supersportive Lamborghini. Il profilo delle porte posteriori è caratterizzato da linee concave e convesse che conferiscono alla Urus una "vita sottile" che poi si allarga verso un retrotreno ampio e muscoloso. La carreggiata anteriore misura 1,695 metri mentre sul posteriore è di 1,710 metri quindi visivamente è molto ben equilibrata da questo punto di vista.

Infine, viste le doti anche di fuoristrada, l'ultimo dato circa le dimensioni di Lamborghini Urus riguarda l'altezza da terra, che è regolabile con le sospensioni pneumatiche passando dagli 158 millimetri fino a 248 mm, praticamente 16 e 24 centimetri.

Quanto pesa la Lamborghini Urus?

Tutti questi "muscoli" avranno una loro massa, ma il lavoro degli ingegneri è stato immenso per fa sì che la Lamborghini Urus abbia un peso a vuoto inferiore a 2200 kg . In particolare, il team di designer e ingegneri R&S si è concentrato sulla riduzione del peso a tutti i livelli del telaio dell'auto, con un mix intelligente di materiali che assicura massima rigidità per ottimizzare comfort e manovrabilità e, nel contempo, un'importante riduzione del consumo di carburante e delle emissioni di CO2. Il telaio è una combinazione di alluminio e acciaio, con porte in alluminio senza cornice, travi torsionali che sostituiscono un montante C e traverse in alluminio che contribuiscono alla leggerezza dell'auto, come fa anche il pianale del telaio in acciaio ad alta resistenza. I sedili sono progettati e costruiti in modo da essere leggeri pur assicurando il massimo comfort e i cerchi sono in alluminio forgiato.

vista posteriore lamborghini urus e peso

Altri elementi che nell'insieme hanno contribuito a ridurre i chilogrammi della Urus, sono l'asse anteriore, con telaietto in alluminio e supporto dei montanti delle sospensioni, include cuscinetti reggispinta appositamente concepiti e struttura a forcella. L'asse posteriore con telaietto ottimizzato ha una cella di costruzione ibrida in alluminio e acciaio. Il sistema di supporto del gruppo motopropulsore è stato ideato per ridurre l'effetto del movimento del motore sul telaio, eliminandone le fastidiose vibrazioni e fornendo, nel contempo, il feeling decisamente sportivo di un telaio estremamente rigido: una carateristica peculiare di Lamborghini. Il sistema di sospensioni pneumatiche adattive consente il sollevamento o l'abbassamento della vettura in base alle condizioni della strada o di guida, con un'altezza da terra ulteriormente personalizzabile dal conducente attraverso il controller specifico della Urus posto nella console centrale: Tamburo.


Ah, a questo punto potete anche farvi un calcolo velocissimo su un parametro molto importante per vetture da corsa, ossia il rapporto peso/potenza che, come già vi ho anticipato nella parte introduttiva, è pari a 3,39 chilogrammi per CV.

Capacità del bagagliaio e volume del serbatoio di benzina

dimensioni lamborghini urus Capacità del bagagliaio

Se avete letto con attenzione tutte le misure, ed in particolare il dato riferito alla lunghezza complessiva che super i 5 metri, allora per la capacità bagagliaio Lamborghini Urus non è seconda a nessun SUV! Pensate che il volume minimo dichiarato del vano bagagli è pari a 616 litri, i quali aumentano fino a 1.596 se si abbattono i sedili dei passeggeri! Anche qui vale la pena fare un paragone con una Wagon media, la quale ha un volume di carico per le valigie mediamente di circa 550 litri! Un grande lavoro dei progettisti quindi, che hanno così creato un super SUV che non si arrende a niente, consentendo uno spazio notevole anche quando vorrete fare un viaggio.

Infine, e con questo finiamo il capitolo circa le misure, abbiamo il volume del serbatoio della Urus che è pari a 85 litri di benzina, i quali sono 75 soltanto per le vetture acquistate su territorio americano.

Telaio, aerodinamica e sospensioni

Ogni superficie della Urus contribuisce chiaramente all'efficienza aerodinamica dell'auto e ne definisce la personalità da supersportiva Lamborghini. Nel design della Casa del Toro, forma e funzione vanno di pari passo: ogni pannello contribuisce al coefficiente globale di resistenza aerodinamica della vettura.

Lo splitter anteriore e le grandi prese d'aria, in combinazione con le ampie aree coperte del sottoscocca ad alta efficienza aerodinamica, assicurano un flusso ottimale dell'aria. Le alette aerodinamiche sui bordi esterni del lunotto posteriore, l'ala posteriore oscillante, lo spoiler posteriore integrato e il labbro dello spoiler contribuiscono, nel loro insieme, a ridurre la resistenza aerodinamica. La soluzione aerodinamica avanzata dei passaruota con raffreddamento a prese Naca migliora il raffreddamento dei freni anteriori e quindi la dinamica di guida.

Un'aerodinamica efficiente contribuisce anche ad esaltare l'acustica interna della Urus, migliorando il comfort di guida e riducendo consumo di carburante ed emissioni mentre un'elevata deportanza aumenta stabilità, sicurezza e dinamica di guida.

Oltre a essere un'autentica Lamborghini, la Urus è il nuovo punto di riferimento dei Super SUV, grazie all'integrazione di tecnologie leggere e al miglior rapporto peso/potenza della sua classe, con innovazioni a livello tecnico ed estetico che ottimizzano dinamica di guida ed efficienza generale.

Come sono gli Interni di Lamborghini Urus?

interni lamborghini urus

Finalmente, ora che sappiamo quasi tutto su questo spettacolare SUV "Made in Italy", possiamo permetterci di aprire la portiera e sederci, per scoprire cosa ci riserva per gli interni Lamborghini Urus.

Partiamo dallo spazio a disposizione e dobbiamo dire che l'auto promette tanta spaziosità di lusso in grado di ospitare fino a cinque persone, grazie al passo di oltre 3 metri ed ai suoi sbalzi corti che riescono a comunicare comunque forza, potenza, ed un carattere dinamicamente assertivo e imponenza su strada, nonostante l'abitacolo interno sia molto confortevole.

Dentro, abbiamo quindi tanto lusso, sia per il conducente che per i passeggeri, con il design e le finiture degli interni che richiamano l'inconfondibile aspetto esterno della Lamborghini in termini di stile, colorazioni e personalità. Appena si entro dentro l'abitacolo interno, saltano subito agli occhi le finiture sportive ma di lusso che ribadiscono la filosofia per cui il design, la potenza e le capacità dinamiche di un'auto, nel loro complesso, dovrebbero far sentire un pilota chiunque si siede al posto di guida. Nonostante l'elevato livello di tecnologia disponibile, tutte le funzioni che offre la Urus sono comunque di uso intuitivo. Conducente e passeggeri possono accomodarsi nei classici, ma estremamente confortevoli, sedili bassi di una supersportiva perfettamente integrati nell'abitacolo e il conducente ha tutti i comandi del quadro strumenti a portata di mano. Il sottile design a Y del cruscotto "driver oriented", con le sue doppie ali argentate verso cui risale la console centrale, si ispira alla LM002 e alle attuali supersportive di casa Lamborghini. Il tema esagonale tipico del marchio viene riproposto in ogni particolare degli interni, dalle bocchette di ventilazione alle maniglie delle porte, dai portabicchieri ai moduli airbag. Il volante multifunzione a tre razze integra uno smorzatore di vibrazioni che migliora il comfort in ogni condizione di guida.

abitacolo interno, sedili e rivestimenti lambirghini urus

I colori previsti per gli esterni sono i seguenti:
  • GIALLO AUGE
  • GRIGIO LYNX
  • BLU ELEOS
  • NERO HELENE
  • BLU ASTRAEUS
  • VERDE HEBE
  • BIANCO MONOCERUS

Per quanto riguarda invece i colori degli interni di Lamborghini Urus e i rivestimenti, quesa supercar è una perfetta espressione del connubio di stile, artigianalità e lusso "made in Italy". Tutti i particolari di un abitacolo estremamente ergonomico sono realizzati in materiali di alta qualità, che spaziano tra pelle, Alcantara, alluminio, fibra di carbonio o legno. Come dotazioni degli interni di serie, la Urus può essere ordinata con pelle Unicolor e rivestimenti in Nero Ade o Grigio Octans e altri cinque colori opzionali, ma sono disponibili anche le configurazioni bicolore Bicolor Elegante e Bicolor Sportivo, con opzioni in pelle e Alcantara. La vasta gamma di cuciture e colori di cinture di sicurezza, tappetini e rivestimento del fondo vettura, consente ai clienti di personalizzare la propria Urus secondo i rispettivi gusti, privilegiando lo stile sportivo o l'eleganza. Il rivestimento standard del cruscotto è Piano Black e Brushed Aluminum, ma sono disponibili finiture opzionali in legno Open Pore, anche in combinazione con alluminio, oltre che un'alternativa in fibra di carbonio.

Il sistema di Infotainment del SUV Urus

Il sistema di Infotainment del SUV Lamborghini Urus

Sul volante sono disposti, in modo estremamente intuitivo, i pulsanti multifunzione per il controllo del Lamborghini Infotainment System (indicato con la sigla "LIS" e che arriva oggi alla sua terza generazione) che permette di accedere a comandi di configurazione, dispositivi multimediali, telefono e funzioni di navigazione, accessibili anche direttamente dal display TFT completamente digitale, personalizzabile dal conducente, posto al centro della plancia e che visualizza le informazioni principali della Urus in immagini animate 3D. Il sistema di infotainment della Urus Lamborghini riflette il suo carattere di lusso esaltandone la fruibilità quotidiana ed è dotato di funzioni di connettività avanzate. Il display standard del sistema LIS è costituito da due schermi touch, perfettamente integrati sopra al "Tamburo", il controller centrale della Urus. Lo schermo superiore è l'interfaccia riservata alle funzioni di entertainment e controlla dispositivi multimediali, navigazione, telefono e informazioni sullo stato dell'auto. Lo schermo inferiore prevede una tastiera ed è sensibile alla scrittura manuale, per l'inserimento di informazioni e il controllo di funzioni come la climatizzazione e il riscaldamento dei sedili.

Il sistema di intrattenimento multimediale LIS III integra l'innovativo controllo vocale connesso, in grado di riconoscere i comandi vocali per gestire musica, chiamate e messaggi di testo. Le dotazioni di serie includono un vano portatelefono con carica wireless e controllo vocale, profilo di memoria personale, connessioni USB, streaming Bluetooth, lettore DVD e impianto audio.

Tra le dotazioni opzionali rientrano sintonizzatore TV, lettore di schede DAB e CI, head-up display, un'interfaccia per smartphone e un display intelligente per funzioni di entertainment dedicato ai sedili posteriori. È disponibile anche il sistema Lamborghini Connect, il quale, assieme Smartphone Interface (LSI) consente la connessione perfettamente integrata di smartphone iOS (Apple) e Android (Google) e supporta, di serie, Apple CarPlay TM, Android Auto (90% di copertura del mercato degli smartphone) e Baidu-CarLife (Cina).

L'impianto audio di serie propone quattro canali e otto altoparlanti ma, come optional, è possibile ordinare un impianto Bang & Olufsen con audio 3D da 1700 Watt di potenza, 21 altoparlanti regolabili indipendentemente e 21 canali, in grado di far vivere un'esperienza e a 360° a tutti gli occupanti della Urus, davanti e dietro.

I Sedili e i rivestimenti interni

Grazie a un passo che arriva a 3003 mm, alla lunghezza della carrozzeria di oltre 5 metri e alla bassa posizione di seduta, il comfort e lo spazio non mancano. La Urus offre indiscutibilmente a tutti i suoi occupanti una sensazione di lusso, anche grazie a sedili concepiti specificamente per questo Super SUV. I sedili standard anteriori, dall'anima decisamente sportiva, sono completamente elettrici, riscaldati e a 12 regolazioni. Come optional, sono disponibili sedili anteriori full-electric a 18 regolazioni, ancora più lussuosi, che comprendono varie funzioni tra cui ventilazione e massaggio. La seduta posteriore standard è dotata di uno schienale mobile e ribaltabile, oltre che di sistema di ritenuta ISOFIX. La configurazione a cinque sedili è estremamente confortevole e la possibilità di ribaltare e muovere il sedile posteriore aumenta la versatilità e la capacità del vano portabagagli, favorendone l'uso quotidiano. Inoltre, la seduta posteriore può essere abbassata completamente per espandere in modo significativo la capacità del vano portabagagli da 616 a 1.596 litri. Come optional, insieme ai sedili anteriori full-electric, è possibile ordinare un layout posteriore più esclusivo a due sedili che, pur continuando ad assicurare il massimo comfort ai passeggeri, esalta il carattere sportivo della Urus.

Tutte le più alte tecnologie a bordo di Lamborghini Urus

Infine, prima di passare ad annunciarvi quando sarà disponibile Lamborghini Urus presso i concessionari, voglio ancora parlarvi delle ultime tecnologie a bordo della super-car.

Abbiamo i sistemi ADAS della Urus Lamborghini garantiscono un grado completo di sicurezza, protezione e assistenza alla guida di livello 2 (scala SAE). Il sistema HBA (High Beam Assistant) spegne e accende automaticamente gli abbaglianti dei fari anteriori secondo necessità e l'equipaggiamento standard prevede anche sensori di parcheggio anteriori e posteriori, cruise control e l'innovativo sistema PreCognition che previene eventuali collisioni o ne attenua gli effetti. Tra i sistemi ADAS opzionali sono inclusi quelli per la gestione del traffico, la telecamera con vista dall'alto e una modalità di accoppiamento rimorchio.

Per l'accensione, si preme semplicemente il pulsante "Start" posto sulla console centrale, sempre a condizione che la chiave sia presente, e per entrare all'interno della Urus è possibile utilizzare anche i sensori tattili situati nelle porte e nel portellone posteriore. Le possibilità di personalizzazione consentono di configurare l'auto in base alle esigenze di ogni conducente e di impostare fino a sette profili differenti, facilmente commutabili, includendo le preferenze di regolazione dei sedili, modalità di guida EGO e pre-configurazione delle funzioni di infotainment.

Il portellone posteriore può essere azionato elettricamente attraverso un interruttore sulla porta del conducente, un pulsante sulla chiave o un pulsante manuale sul portellone stesso. Un "pedale virtuale" opzionale consente di aprire il portellone anche con un semplice movimento del piede. L'angolo di apertura del portellone può essere personalizzato dal conducente. Il sistema Easyload Assist, di serie sulla Urus, consente di abbassare l'altezza del vano portabagagli in modo da facilitare le operazioni di carico.

Quanto costa in Italia e quando esce Lamborghini Urus?

data uscita a prezzi in italia lamborghini urus

Siamo giunti finalmente alla fine di questo articolo e potrete finalmente capire che, molto probabilmente, il saldo del vostro conto corrente, come quello del mio, non ci permetterà di acquistare quest'auto! Ma spero che voi e per me che i soldi a partire dal 2018 non manchino, magari non per l'acquisto di questo SUV ma per tante altre cose! Detto ciò, vi dico subito che per quanto riguarda i prezzi Lamborghini Urus sarà in vendita a partite dalla cifra di €168.852, ed ovviamente a questo costo va aggiunta anche il 22% in Italia, dato che l'IVA non è inclusa in tale prezzo! E facendo questo veloce calcolo, si arriva ad un totale di circa 206.000 euro, cifra che poi aumenterà ancora quando il cliente si reca presso il concessionario ed aggiunge optional e personalizzazioni.


Avete tutti questi soldi e volete sapere a questo punto qual'è la data uscita della Urus e quali sono i tempi di consegna? Ebbene, Lamborghini si è impegnata a consegnare ai primi clienti la nuova SuperCar per la primavera del 2018, quindi dopo il mese di Marzo. Quindi, praticamente coloro che desiderano ordinare l'auto, potranno prendere un appuntamento già all'inizio del 2018 o forse anche adesso, per effettuare l'ordine e ricevere le chiavi del SUV nella bella stagione primaverile!
EDIT

Appassionati delle automobili super-sportive Italiane ed in particolare delle Lamborghini? Bene, allora in questa raccolta di dmotori.it potete trovare i collegamenti ai nostri articoli in cui andiamo a vedere quali sono i colori delle auto Lamborghini di ogni genere e di ogni anno, quindi se volete conoscere quanti e quali colori sono disponibili per una Lamborghini nuova, allora qui in basso trovate un elenco di tutti i modelli prodotti dalla casa automobilistica Lamborghini. Vi basta individuare il modello dal nome, quindi aprire la pagina relativa ai colori del modello prodotto in un'anno preciso che noi distinguiamo con la sigla MY (sta per Model Year).

Bene, iniziamo subito la raccolta! A seguire, invece, tutti i colori con foto delle Lamborghini nuove, modello per modello, anno per anno!

Lamborghini Urus: colori e foto MY 2017/2018

Colori Lamborghini Urus con Foto

Colori base, metallizzati, perlati, matti e brillantinati della Lamborghini Urus MY ANNO con relative immagini

La nuova Lamborghini Urus, è un modello MY 2017/2018 la cui presentazione è avvenuta il 4 Dicembre 2017 in casa del brand, a Sant'Agata Bolognese, ed è il primo Super Sport Utility Vehicle al mondo. Indiscutibilmente Lamborghini, dotata dell’autentico e inconfondibile DNA della Casa del Toro, Urus è anche una vettura rivoluzionaria: proporzioni estreme, puro design Lamborghini e prestazioni incredibili la rendono assolutamente unica. La silhouette caratteristica dalle linee dinamiche e fluide di una coupé ne sottolinea le origini supersportive, mentre le proporzioni eccezionali esprimono forza, solidità e sicurezza. Indubbiamente i fattori alla base del successo di Urus sono design, dinamica di guida e prestazioni. Tutti questi elementi hanno permesso a Lamborghini di presentare il primo Super Sport Utility Vehicle che rimanesse fedele al suo DNA.

Se vi state domandando quali sono i colori disponibili per questo modello, allora ecco qui le foto e l'elenco colori completo:

EDIT
Powered by Blogger.
-->